Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2126. Er proscède d’Aggnesa

 

Lo sai d’Aggnesa? Quela bbrutta caggna
jer a mmattina nun dormiva in chiesa?
Nu la trovai pe tterra tutta stesa,
manco si stassi immezz’a ’na campaggna?

 

«Arzete» dico: «ma davéro, Aggnesa,
pijji le cchiese pe Ppiazza de Spaggna
«Eh», disce, «m’ha ppijjato una scecaggna...
e ddevèsse la predica c’ho intesa».

 

Dico: «E ssarebb’a ddí, ssora vassalla?».
Disce: «Oh vva’ a ccerca un po’, cquanno viè ssonno,
si tte vviè o in d’una cchiesa o in d’una stalla!».

 

Se ne ponno ppeggio, se ne ponno?
Ma nun zarebbe cosa d’ammazzalla
per imparajje a vvive e a stà a sto monno?

 

5 gennaio 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License