Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2130. L’entrat’e usscita der purgatorio

 

Io, fra Vvenanzo mio, un iggnorante,
ma sta cosa la sa ppuro Marforio,
che llanime che vanno in purgatorio,
spesciarmente oggidí, nnun ppoi tante.

 

E ssi ttutte ste poche anime-sante
ggni messa a Ssan Lorenzo o a Ssan Grigorio
le ddelibberà dda quer martorio
fresche-fresche e ggrorios’e ttrionfante,

 

er purgatorio è bell’e bbuggiarato,
pe vvia che ’ggni matina a or de pranzo
deve scerto arimane spiggionato.

 

E ssi ppoi carcolamo, fra Vvenanzo,
che ’ggni cchiesa ha er zuartàr privileggiato,
de messe sce n’è ppuro un zopravanzo.

 

14 marzo 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License