Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2133. L’appartamento de la padrona

 

La mi’ padrona è vvedova da un anno,
e sse gode sto po’ ddappartamento,
che ccentrería magara un riggimento
coll’arme e li bagajji ar zucomanno.

 

Questa è la sala: cqui sto io: llí stanno
le cammoriere e er pupo: de cqui ddrento
se1 va a ssei stanzie nobbile, che ssento
che li re cche rre mmanco scell’hanno.2

 

Poi viè er zalone der bijjardo, poi
quello der ballo, poi ’na gallaria
pe spasseggio, pe ggioco e cquer che vvoi.

 

ccanteno e cqua ddorme la padrona:
e accusí, amico, senza bbuscia
pòi cche llà sse canta e cqua sse sona.

 

28 marzo 1846

 




1 Si.

2 Ce le hanno: semplicemente le hanno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License