Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2134. Le lettaníe der viatico

 

«Ôra proè: Ōra proè1 ... SsorAnna,
Ma cchi è l’ammalato? è er zor Marcello
«No, er padre (Ōra proè)». «Ccredo er fratello».
« Ōra proè ». «Nno, er zio che ttiè llocanna».

 

«E cquesti (Ōra proè) cchi cce li manna,
che nemmanco se cacceno er cappello?
Bberfijjo (Ōra proè), pss, bberzitello».
«Che vve dole? la freggna che vve scanna

 

« Ōra proè ». «Vvavvacche bbelle rape!».
«E cche ssomaro! (Ôra proè)». «Ssorella,
scanzateve, ché cqui nnun ce se cape».

 

«E vvoi nun ve bbuttate addoss’a mmé,
sora vecchiaccia (Ōra proè)». «Gran bella
risposta da puttana. Ōra proè ».

 

31 marzo 1846

 




1 Ora pro eo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License