Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2136. Er marito de ggiudizzio

 

Ôh, er mi’ padrone poi, sora Scescijja,1


verbo corna s’ammaschera da tonto.2
Lui se n’essce da cammera onto-onto,3
serra l’occhi, e vva ttutto a mmaravijja.

 

Nun è omo d’avello4 pe un affronto,
si ssenza corpa sua cressce famijja.
Le cose tutto sta cchi sse ne pijja,
e ggnente dole mai si ttorna conto.

 

Abbiti, argenterie, casa a ppalazzo,
carrozze, servitú, ppranzi in campaggna...
lui vede tutto e nnun dimanna un cazzo.

 

La providenza viè? llui l’arisceve.
Er camminuccio fuma? e cquello maggna.
La funtanella bbutta? e cquello bbeve.

 

2 aprile 1846

 




1 Cecilia.

2 Fa lo gnorri.

3 «Lemme-lemme», come dicono i toscani.

4 Averlo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License