Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2138. Ajjuto e conzijjo

 

Capisco... ma... che sso!... ccerte faccenne...
io poi... se sa... nnun posso avé, ffratello...
perché... a la fine... come disce quello?...1


Inzomma... tutto sta ccome s’intenne.

 

Raggione, ohé, cce n’averai da venne...
eppuro... co ddu deta de scervello...
cc’uno abbi2... me spiego?... eppoi, dov’èllo?
Via... cche sserve!... ggnisuno lo pretenne.

 

Pe mmé, mmagara!... e ccaso-mai... pe cquesto
nun ce penzà: ffigúrete si io...!,
semo amichi o nno? Dunque io llesto.

 

Ôoh mmanco male! ma llui preghIddio...
Bbasta, ce semo intesi: e cquantar resto,
tu ttiette sempre ar zentimento mio.

 

3 aprile 1846

 




1 Espressione usata dal popolo, accingendosi questo a citare qualche massima, sentenza o proverbio. Per esempio: Come dice quello? Male non fare e paure non avere.

2 Non già che uno abbia: che si debba, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License