Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2144. Er bracciante marcontento

 

Quann’io trovo un padrone c’ha cciarvello
e ssa conziderà cquer che jje faccio,
io me sce schiatto er core, io me sce sbraccio
che mmanco ar padre mio, manc’a un fratello!

 

Ma stinfame ggiudío rinegataccio,
che mme tiè ccom’un cane da mascello,
lo vorebbe trincià ccor un cortello
e ppassallo magara pe ssetaccio.1

 

Io cqua ggià ppuzzo d’impiccato, puzzo:
ma ppe ddiliggerí2 ccerti bbocconi
sce vorebbe uno stommico da struzzo.

 

Accidenti che rrazza de padroni!
Ma ss’io sto fariseo nu lo scucuzzo,3
nun me chiamà ppiú Mmeo Sfreggnacantoni.4

 

5 aprile 1846

 




1 Staccio.

2 Digerire.

3 Scucuzzà: «rompere» il capo, da cucuzza, «zucca».

4  Sfasciacantoni, tagliacantoni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License