Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2145. Una bbiastéma1 der Crèdo

 

Sto a ppenzà come er Crèdo, sor Emijjo,
dichi che Ggesucristo annò a l’inferno.
È possibbile mai ch’er Padreterno
ce volessi mannà propio su’ fijjo!

 

Ma lo sapete co chi mme la pijjo?
Me la pijjo co cquelli der Governo,
che metterno sto scànnolo,2 metterno,
senza nemmanco dimannà cconzijjo.

 

Gesucristo a l’inferno! E ss’è mmai visto,
da cche3 ccelo è ccelo e mmonno è mmonno,
un galantomo ppiú de Ggesucristo?

 

Si4 ppoi sta cosa, s’abbi da credella,
èsse forzi5 che in quello sprofonno
ar piú cciaverà ffatto capoccella.6

 

5 aprile 1846

 




1 Bestemmia.

2 Misero questo scandolo.

3 Dacché, sin da quando.

4 Se.

5 Può essere forse.

6 Capolino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License