Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2148. Er Papa ner Giuveddí Ssanto

 

A le tavole inzomma e a la lavanna,
er Papa, sibbè vvecchio e sfoconato,1


pareva un stufarolo2 affaccennato,
pareva er cammerier d’una locanna.

 

Sto sant’omo che cqui, ssora Susanna,
meriterebbe d’èsse imbarzimato.3
Sia bbenedettIddio che cce l’ha ddato,
com’un giorno all’Ebbrei diede la manna!

 

Ma è vvecchio, è vvecchio assai! Puro,4 speramo
ch’Iddio lo sarvi da tarle e dda sorci
come sarvò li zzoccoli d’Abbramo.

 

Lui je la canta sempre a sti scatorci5
de cardinali: Ottantatré nn’abbiamo,
ché llanni sui li disce a ccani e a pporci.6

 

9 aprile 1846

 




1 Affralito.

2 Inserviente di stufa, cioè di bagni.

3 Imbalsamato.

4 Pure.

5 Disutilacci.

6 Cioè, «li dice a chiunque».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License