Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2150. Er cardinale bbono

 

Eh ggiusto! bbono lui?! Cristo! è un’arpia,
che nun zai com’arrèggesce,1 nun zai!
Sto Cardinale è bbono! eh indove mai!2
T’hanno detto una gran cojjoneria.

 

E ssi ha ddato la dota a Nnastasia,
ar perché jje l’ha ddata nun ce dài?3
Je l’ha ddata perché ccereno guai!
Bbazzicotti forzati,4 Aghita mia.

 

Però nnun dico che ssii mejjo o ppeggio
o cche ffacci ppiú o mmeno marachelle5
de tutt’er resto der Zagro Colleggio.

 

Abbast’a vvede6 come va la piazza.
ttutti lupi de l’istessa pelle:
ammazzammazza ttutt’una razza.

 

9 aprile 1846

 




1 Come reggerei, resisterei.

2 Mai più simili cose.

3 Non ci dài dentro, non ne penetri il motivo?

4 Necessità.

5 Azioni furbesche, indecorose, fraudolente.

6 Basta a vedere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License