Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2152. Sesto, nun formicà1

 

«Ma ssenzèsse però mmojj’e mmarito
er un omo e una donna quela cosa
ch’io foggni notte co mmimojje Rosa
nun è ssempre un peccato provibbito

 

«Io nun ve dico», repricò er romito,
«che sta corpa nun zii peccanimosa;2
ma cche la Cchiesa, ch’è mmadramorosa,
sa ddistingue er pancotto e er pan bullito.

 

Per esempio, si un omo bbattezzato
vienghi preso in fregante3 co un’ebbrea,
è ssubbito un peccato ariservato.

 

Ma ppe una donna poi s’arza la mano:4
tutto ne viè5 ddar fijjo che sse crea:
ché cquella fa un giudío, questa un cristiano».

 

10 aprile 1846

 




1 Sesto (precetto), non fornicare.

2 Peccaminosa.

3 In flagrante.

4 Alzar la mano, vale «assolvere, usare indulgenza».

5 Tutto dipende.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License