Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2154. La gabbella der zabbito santo

 

«Già er prete su da noi cià1 bbenedetto,
e la Siggnora j’ha ddat’un testone».
«Nun c’è mmale, nun c’è: mma er mi’ padrone,
ch’è pprete puro lui, je un papetto».

 

«Cicco cqua, ccicco llà,2 co sto ggiretto
la sora3 Sagrestia fa un bel mammone».
«Ma er chirichetto, che nun è ccojjione,
tiè la su’ parte ariservata in petto.

 

Siccome tutto va in nell’acqua santa,
er prete come vôi che ffacci er conto
si ssò vventi, o ssò ttrenta, o ssò cquaranta!

 

Quell’antro,4 dunque, c’ha er zecchietto in mano,
a ’ggni sscenta5 de scale è bbell’e ppronto
a spartísse6 l’incerti cor piovano».

 

11 aprile 1846

 




1 Ci ha. Dicesi comunemente de’ maiali.

2 Cicco qua, cicco , il porcello s’ingrassa.

3 Signora.

4 Altro.

5 Ad ogni discesa, ecc.

6 Spartirsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License