Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2155. Le carte per aria

 

«Cosa cquele carte, sor Cremente,
che in ner er Papa la bbinidizzione
se vedeno bbuttà ggiú ddar loggione
e vvoleno cqua e llà ssopr’a la ggente

 

« ccarte che nun zerveno ppiú a ggnente,
ccartacce avanzate dar focone,
e sse bbutteno via pe la raggione
ch’è un’usanza c’usava anticamente».

 

«Ma ddisce don Mattia che ssò un tesoro».
«Si ffussino tesori, fijjo mio,
quelli se li terrebbeno pe llòro.

 

Quant’a ttesori, o ppreti o ggiacubbini
ttutti de ’na pasta. Eppoi, dich’io,
dov’hai mai visto de bbuttà zzecchini?».

 

12 aprile 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License