Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2156. L’affitti pe la ggirànnola

 

«Parchi, logge e ffinestre... Ebbè Mmilordo,
me ne dia sette... sei..., nun me strapazzi».
«Bbadi, Eccellenza, nun ce facci accordo
ché da quello sciarriveno li razzi».

 

«E da voi che cciarriveno? li cazzi
«Ôh ttu sta vorta nu lo peli er tordo».
«Te lo vòi pelà ttu, sscioto bbalordo?1


Loghi, ssedie e pparchetti co l’arazzi...

 

Vienghi cqua, pss, monzú..., ssor Cavajjere,
madama, eh sor Abbate, eh Monziggnore...
Ecco piazze, ecco posti, ecco lendiere.2

 

Alegri,3 chi la vede la ggirànnola?
Gnisuno squajjà,4 ggnisuno ha ccore,
je pijji un accidente co la mànnola!».5

 

13 aprile 1846

 




1 Furbo, sotto petto di semplicità.

2 Ringhiere.

3 Animo: su via.

4 Nessuno vuole spendere.

5 Mandorla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License