Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2157. Er bon partito

 

Ma eh? cquella Luscia si cche ffurtuna!
Ah cquella è nnata carzata e vvistita.
Già, tutto-quanto in sta mazzata1 vita
va ssiconno li quarti de la luna.

 

Bellezze tanto,2 nun ce n’ha ggnisuna,
ché ppare una merangola ammuffita.
Eppuro eccola llí: llei se marita,
e le mi’ fijje, che ssò ssei, manc’una!

 

Sin da quanno ch’er zio je lassò er forno,
io lo disse: sta sfrízzola3 è assortata:
da la matina se vede er buon giorno.

 

E adesso se la sposa er zor Annibbile:4
propio lui: che, assicurete, Nunziata,
è un omo... un omo... che nun è possibbile.5

 

13 aprile 1846

 




1 Mazzata in senso di fortunosa.

2 Circa a bellezza.

3 Personcina di nessun conto e di meschino aspetto: da sfrizzolo, sfrizzoli, relitti della sugna dopo estrattone al fuoco il distrutto.

4 Annibale.

5 Cioè: non è possibile dirne quanto se ne dovebbe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License