Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2158. Li malincontri

 

M’aricordo quann’ero piccinino
che Ttata me portava for de porta
a rriccojje er grespigno, e cquarche vvorta
a rrinfrescacce co un bicchier de vino.

 

Bbe’, un giorno pe la strada de la Storta,
dov’è cquelo sfassciume d’un casino,
ce trovassimo stesa llí vviscino
tra un orticheto una regazza morta.

 

Tata, ar vedella llí a ppanza per aria
piena de sangue e cco ’no squarcio in gola,
fesce un strillo e ppijjò llerba fumaria.

 

E io, sibbè ttantanni ppassati,
nun ho ppotuto ppiú ssentí pparola
de ggirà ppe li loghi scampaggnati.

 

15 aprile 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License