Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2159. Li cardinali in cappella

 

L’ho ccontati ggià io: cquarantotto:
quarantasette rossi e uno bbianco,
e ttutti su cquer lòro cassabbanco
barbotteno l’uffizzio a ttesta sotto.

 

Disce che ognun de lòro è un omo dotto
e pparla d’oggni cosa franco franco,
e appett’a llui nun ce la nemmanco
chi ha inventato le gabbole dell’Otto.

 

Disce che inzin ch’è stato monzignore
forzi oggnuno de lòro, Angiolo mio,
ha puzzato un tantin de peccatore.

 

E mmó cche ssò Eminenze? , dich’io,
sarìa curioso de leggejje in core
quanti de quelli llí ccredeno in Dio.

 

20 aprile 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License