Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2160. Le creanze screanzate

 

Te vòi na risata? L’artebbianca
m’ha ariccontato c’a li pranzi fini
tutte le paine e li paini
tiengheno la forchetta a mmanimanca.

 

So cc’a nnoi Tata mio, da piccinini,
si mmaggnàmio accusí, ppe ccosa franca
ce fasceva bballà ssopr’una scianca:1


e li signori ttutti mancini?

 

Che la grazzia-de-ddio, mastro Ghitano,
se strapazzi accusí, ppropio me cosce,2
nun me pare creanza da cristiano.

 

Nun zerve che mme date su la vosce.
Io nun tturco: io maggno co la mano
che mme sce faccio er zeggno de la crosce.

 

21 aprile 1846

 




1 Ci faceva ballare sopra una gamba: cioè pel senso delle percosse.

2 Mi cuoce.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License