Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2163. La pinitente che storce1

 

Prudenza? Eh ccaro lei, lo so ppur’io
che ppe vvive co llui sce pprudenza.
Pascenza? Ma, o ppascenza o nnun pascenza,
stomaccio nun stà ssur libbro mio.

 

Lei me ddà cqualunque pinitenza,
ch’io faccio tutto pe l’amor de Ddio;
ma nnò de volé bbene a cquelarpío
che cquann’una ne fa ccento ne penza.

 

Lui chiamamme bbusciarda cor ditongo!
E ho da sentillo da lui! ch’indove
disce la verità cce nassce un fongo.

 

Io nun pòzzo ppiú arregge tra sti guai.
Padre mio, tanto tona inzin che ppiove;
er lupo muta er pelo, er vizzio mai.

 

22 aprile 1846

 




1 Restìa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License