Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2164. La mutazzion de nome

 

Ma nun zai che mm’ha ddetto er mi’ ggiudio?
M’ha ddetto che in d’un libbro sce se trova
che Ddiona vorta se chiamava Gliova,1


ch’è cquantà ddí nnun ze chiamava Ddio.

 

Ma ccome, ma pperché, ddimanno io,
oggi se chiama in sta maggnèra2 nova?
Un de le dua: o cqui ggatta sce cova,
o mm’ha detto una miffa er giudio mio.

 

Io l’ho ttrovo3 però ssempre sincero;
e un’antra cosa poi, mastro Ggismonno,
me a rrifrette4 che vvojji èsse vero.

 

Ché, ssenza annà a ccercà ccome o nnun come,
puro, inzomma, li Papa, c’a sto monno
vvicarî de Ddio, muteno nome.

 

23 aprile 1846

 




1 Jeovah.

2 Maniera.

3 L’ho trovato.

4 Mi a riflettere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License