Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2165. L’orazzione1 esaudite

 

Sta notte a mmezza-notte, Zzaccaria,
è mmorto d’accidente er zor Zirvani,2
ch’era er cane ppiú ggrosso tra li cani
che vvanno a ccacciarella3 in pulizzia.

 

La fine de sto porco bu-e-vvia
è accusí ddispiaciuta a li Romani,
c’hanno cuncruso dda bboni cristiani:
Sia laudato er Ziggnore e accusí ssia.

 

Je ne iti tanti d’accidenti,
c’a la fine sta goccia de ssciroppo4
l’ha accucciato5 senz’antri comprimenti.

 

O, ppe un riguardo a cchi jje stava doppo,
forzi ha ccapito pe li su’ talenti
ch’era mala-creanza a ccampà ttroppo.

 

24 aprile 1846

 




1 Le orazioni.

2 L’avvocato Demetrio Silvani Loreni, cavaliere, assessore generale di polizia in Roma, morto di apoplessia fulminante poco dopo la mezzanotte dal 23 al 24 aprile 1846 «tota plaudente civitate».

3 Cacciarella: nome della caccia di grosso salvatico.

4 Goccia: sinonimo di «apoplessia»: sciroppo, equivalente di «sinistro accidente».

5 Colcato.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License