Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2167. Er zomaro

 

Me fesce cavarcà cquer galeotto
un zomaro che inciàmpica a ’ggni sasso,
’na caroggna che vva ssempre de passo,
e ddio-ne-guardi si sse mette ar trotto!

 

Eppoi senza bbardella! ch’io cqui ssotto,
pena mezz’ora che ciaggnede a spasso,
sibbè ccher culo l’ho ppiú ppresto grasso,
sor Dimenico mio, ttutto rotto.

 

Lei lo sa cche la schina der zomaro
è ffatta a-schiena-dasino: e a cquellossa
la bbardella je serve d’aripparo.

 

Ma, der resto, o bbardella o nnun bardella,
o cce vai co l’immasto o a la disdossa,
t’arivòmmiti sempre le bbudella.

 

26 aprile 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License