Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2168. La bbirbata1 der Curato

 

Arcipreti! che ffurie, sor Curato!
Lei, dico, parli co mmodo e maggnera;2
Perché, inzomma, in che sta sonajjera3
de strilli? ssussurro e spregà ffiato.

 

Ma cche sse va ccercanno lei stasera?
la freggna de la serva de Pilato?
Io ffigura, pe cquer dio sagrato,
d’abbuscamme un tre pparmi de galera.

 

Bbella cosa! chiamamme ggiacubbino
perché, ffinita quela su’ pastrocchia,4
nun me mmesso a ppiaggne ar fervorino!

 

Lei, sor don tale, a mmé nnun m’infinocchia.
Ho da piaggne! epperché, ssor Curatino?
Io nun c’entro: io nun de sta parrocchia.

 

27 aprile 1846

 




1 La sgridata, intemerata.

2 Con buoni termini.

3 Che significa questa filatessa, ecc.

4 Cicalata, pappolata.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License