Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2171. La vénnita der cardinale morto

 

Quela ggente affollata in quer cortile
ce sta perché cce vénneno1 a l’incanto
scudaria, guardarobba e ttutto-quanto
der Cardinale che mmorí staprile.

 

Li nipotucci sui, com’è lo stile
de sti siggnori, doppo avello pianto
pe cquattro o ccinque ggiorni e mmanco tanto,
s’acquietorno cor zon der campanile.

 

E mmó li vedi a bbastonà2 ccavalli,
quadri, carrozza, càlisci, pianete,
mobbili, bbiancheria, cocci e ccristalli.

 

Questo nun ze vedeva a ttempi mii,
che cquela robba c’ha sservito a un prete
finischi ne le man de li ggiudii.

 

8 maggio 1846

 




1 Ci vendono.

2 Vendere a macca.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License