Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2172. Ar zor Lello Scini
c’oggi diventa omo

 

Già cche vve trovo cqua ssenza ggnisuno,
facci de grazzia, è vvero o nnò, ssor Lello,
quer che mm’ha ddetto lo scarpinello,
ciovè ccoggi pe vvoi sona er ventuno?

 

Sto nummero che cqui, Ddio sarvoggnuno,
è un gran bruttanno assai, fijjo mio bello;
percortre ar guaio d’assodà er ciarvello,
c’è cquelantraffaraccio der diggiuno.

 

Eppoi si nun pagate la piggione,
o ffate quarche ddebbito coll’oste,
ve sciteno e vve schiaffeno in priggione.

 

Ma che vvolete ? cce ppascenza.
Arate dritto co le vostre poste,1


e cce sarà er Ziggnore che cce penza.

 

21 settembre 1846

 




1 Abbadate che pposta ddì aventori, crienti, e tocca la viola.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License