Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2174. Er papa novo

 

Che cce faressi? è un gusto mio, fratello:
su li gusti, lo sai, nun ce se sputa.1


Sto Papa che cc’è mmó rride, saluta,
è ggiovene, è a la mano,2 è bbono, è bbello...

 

Eppuro, er genio mio, si nun ze muta,
sta ppiú pper papa morto, poverello!:
nun fussantro pe avé mess’in castello,
senza pietà, cquella gginía futtuta.

 

Poi, ve pare da papa, a sto paese,
er ccontro a pprelati e a ccardinali,
e l’usscí a ppiede e er risegà le spese?

 

Guarda la su’ cuscina e er rifettorio:
ppropio un pianto. Ah cqueli bbravi ssciali,3
quele bbelle maggnate de Grigorio!

 

21 ottobre 1846

 




1 De gustibus non est disputandum.

2 È facile, accessibile.

3 Sfoggi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License