Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2175. L’orloggio

 

E ddajje co Ppio nono! e ggni paese
aricopia stusanza scojjonata
de portàna bbanniera inarberata
tra ccanti e ssoni e ttra ccannele accese.

 

E intanto er zanto padre ha la corata
d’arimette l’orloggio a la francese.1


Un papa! ammalappena ar quarto mese
der papatico suo! Bbrutta fumata!2

 

Disse bbene er decan de Lammruschini
ar decan de Mattei: «Semo futtuti:3
cqua ttorneno a rreggnà li ggiacubbini».

 

Sto sor Pio come vòi ch’iddio l’ajjuti
quanno sce viè a imbrojjà ppe li su’ fini
sino l’ore, li quarti e li minuti?

 

22 ottobre 1846

 




1 Il pubblico orologio del palazzo pontificio al Quirinale, pari ad altri orologi di Roma, ebbe finora il quadrante diviso in sole sei ore, le quali, mandandosi esso orologio alla romana, facean perciò in un quattro uficii, cioè di ore 6, di 12, di 18 e di 24. La campana peraltro battea di 12 in 12. Da questi elementi nasceano tal bizzarre combinazioni, che uno svizzero della guardia ebbe un giorno ad esclamare: Oh Griste sante! Segnar guattre, sonar tiece e star fentitua! Pio ix fa ora cangiare il quadrante, che segnerà quindi all’astronomica. Agli stazionarii questa innovazione non piace.

2 Brutto preludio.

3 Rovinati.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License