Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2178. Er càmmio de nome

 

Io poi nun ve so ddí ttante raggione:
questo io so ccar concrave er cardinale
creato papa, o ffacci bbene o mmale,
se muta nome e ppoi va ssur loggione.

 

E ssiccome uggnun’ha la tentazione
d’abbuscasse la cattreda papale,
uggnuno, o ssiina perla o ’no stivale,
prepara er nome suo pe l’occasione.

 

S’era papa Mattei,1 c’ar penzà mmio
è un cardinale assai lescit’e onesto,
je criccava er chiamasse Sperandio.

 

Mìcchera2 poi, pe cquello che ssentimo,
se saría messo nome Sisto sesto,
e Lammruschini3 invesce Agnello primo.

 

28 ottobre 1846

 




1 Mario Mattei, già Segretario per gli affari di Stato interni sotto Gregorio xvi.

2 Ludovico Micara, cappuccino, decano del S. Collegio.

3 Luigi Lambruschini, già Segretario di Stato sotto Gregorio xvi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License