Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2180. Preti e ffrati

 

Però, ssibbè ggnisuno ve lo nega
che ppreti e ffrati cqua ssò ttutti bboni,
dítem’un po’, vvoantri talentoni,
come s’impiccia?, come va sta bbèga

 

che o mmaggni, o bbevi, o ddormi, o ccanti, o ssoni,
o ggiochi, o ppissci, o apri una bbottega,
ecchetaddosso un prete che tte frega,
o un frate che tte scoccia li cojjoni?

 

Sii bbianco, o rrosso, o nnero o ppavonazzo,
vadi in zottana, in tonica o in mozzetta,
de questo a mmé nnun me ne preme un cazzo.

 

O ttienghino er cappuccio o la bbarretta,
io, per ttanto, ne farebbe un mazzo
da scaricallo ar porto de Ripetta.

 

31 ottobre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License