Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2181. Le feste de li santi

 

Dico la verità, ssora Celeste,
me tuferebbe assai che ppe li fini
de sti turchi arrabbiati ggiacubbini
a Rroma se calassino le feste.

 

E cche ccimporta si ppe vvia de queste
l’artisti nun guadammieno quadrini?
La festa è ppe nnoantri vitturini
quer che ppe li becchini era la peste.

 

Disce: «Ma ssi er bracciante nun guadaggna,
ma ssi l’avvezzi all’ozzio, si l’avvezzi,
con che sse sverna poi? come se maggna?».

 

E vve pijjate tanti sturbi ar core?
E nun ponno arifasse su li prezzi
der lavore der giorno de lavore?

 

novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License