Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2182. Li nimmichi de papa Grigorio

 

E arriva a ttanto er dente avvelenato
de sti strilloni aretichi somari
pe cquer povero papa Cappellari
spesciarmente che jj’è usciter fiato,

 

che ddicheno inzinenta ch’è ppeccato
de scelebbrajje messe e nniverzari,
e vvorríeno scassà dda li lunari
fino quer giorno dua ch’ebbe er papato.

 

E nun basta; c’è cquarche ffuribbonno
che cce conzijja de scordallo, come
sto Papa cqui nun zii mai stato ar monno.

 

Ma ppe ggrazzia de ddio e der governo,
ce bboni pitaffi cor zunome
da ricordallo a ttutti in zempiterno.

 

3 novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License