Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2184. La salute der papa

 

Santo-padre, e indov’è cquelalegria
e cquele belle ganassotte piene
c’avevio prima? Voi nun state bbene:
io ve vedo mutà ffinosomia.

 

Si sti fijji d’un lupo e d’un’arpia
ve tireno cqua e llà ccorde e ccatene,
ve sce state a ppijjà ttutte ste pene?
Ce ppoi tanto pe ccaccialli via?

 

Er Vicario de ddio nun zete voi?
Dunque dateje l’erba a ttutti-quanti,
e ppoi lassate : cce semo noi.

 

Seguitanno accusí, ccurrete risico
de un buscio in dell’acqua; eppoi? eppoi
de sputà ccardinali e mmorí ttisico.

 

4 novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License