Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2185. Er Papa in de l’incastro

 

È ora de finillo er ber pasteggio
de chiamà Ppapa Pio nostro sovrano
omo de carta-dorce, posa-piano,
mazza-la-fremma, lumacone, e ppeggio.

 

Tra li sturbi der zor zagro colleggio
che vva in decrivio all’ombra d’un tafano,
come vòi che cquer povero cristiano
nun zajjuti coll’arte der traccheggio?

 

Lui mmannà ttutte le cose in pasce,
annacce cor bemollo, a la sordina,
gastigà ccor baston de la bbammasce.

 

Pe ccontentà li poveri e li ricchi,
che mmaravijja sc’è, ppe ccristallina,
si nun trova mai forca che l’impicchi?

 

5 novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License