Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2186. Li vívoli in zaccoccia

 

Dorme? Er Papa nun dorme e nun ha ssonno,
e nun è ttartaruca1llumaca.
Ce er zutempo pe ffà la triaca
da rimedià li cancheri der monno.

 

Er ppresto e er bbene, sor Zaràca,
nun ze ponno protenne, nun ze ponno.
Ma lo capisco si cchedè: cqua vvonno
la bbotte piena e la mojje imbriaca.

 

Lassateli sfiatà cqueli sciufechi,
e dditeje: «La gatta pressciolosa,
sori cazzacci, fa li fijji scechi».

 

E in quant’a Ppapa Pio nostro sovrano,
lassamoje aggiustà ccosa pe ccosa.
Chi vva ppiano va ssano e vva llontano.

 

5 novembre 1846

 




1 Alludesi ad una stolta ingiuria che narrasi fatta al pontefice, spedendogli per la posta una elegante cartella, entro la quale era dipinto il suo stemma con sostituite ai leoni due tartarughe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License