Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2187. Er Vicario vero de Ggesucristo

 

Pio s’assomijja a Ccristo, e stanimali
nun jje stiino a scoccià li zzebbedei.
Defatti, vvedello, caro lei,
si Ccristo e Ppapa Pio ppropio uguali?

 

Cristo pe li peccati univerzali
commatté cco li scribbi e ffarisei,
e Ppio, cascato in man de filistei,
tribbola co pprelati e ccardinali.

 

Pio, come Ccristo, ha la coron de spini,
e vva a ffà l’Ecceomo s’una loggia
a ’na turba de matti e ggiacubbini.

 

E nun ze fidi lui de quer zubbisso
d’apprausi e sbattimano e ffiori a ppioggia:
s’aricordi le parme e ’r croscifisso.

 

8 novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License