Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2188. La Tor de Babbelle

 

Inzin c’ar Papa je starannaddosso
de cqua li ggiacubbini a ffà l’abisso,
e de llà cquele pecore de Visso
ammascherate cor zucchetto rosso,

 

e, invesce d’ajjutallo a ssartà er fosso,
chi vvorà bbaccalà cchi stoccafisso;
staremo sempre cor tibbicommisso
de la miseria che cciarriva all’osso.

 

Sin c’uno strilla arrosto e un antro allesso,
e ttutti in compaggnia fanno fracasso,
dureranno li guai che cce adesso.

 

Ché ttra Erode e Ppilato, Anna e Ccaifasso,
«Io», er Papa dirà, «mme chiamo ggesso:
cor una mano scrivo e un’antra scasso».

 

10 novembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License