Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2190. Er viaggio a Bbettelemme

 

Dunque, essenno lei gravida, sor Nino,
de sto bbon cardinale mi’ padrone,
vòrze annà a ppartorillo in ner grottone
che la Madonna ce spanzò er Bambino.

 

Detto-fatto: accaparra un vitturino,
parte, arriva, se trova un Ciscerone,
eppoi comincia a ppijjà ccondizzione1


de li lochi, pe ffà tutto appuntino.

 

Poi, appena je preseno le dojje,
curze a sdrajasse2 in de la stalla, indove
c’entrò ppuro3 er marito co la mojje.

 

Ma pperché llà nnun ce vedeva chiaro,
mentr’er marito era ar zito der bove,
fesce er fijjo sur posto der zomaro.

 

15 novembre 1846

 




1 Cognizione.

2 Corse a sdraiarsi.

3 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License