Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2193. La raggione der Caraccas1

 

Stammatina io discevo ar mi’ padrone:
«Sor conte, ma pperché ste Su’ Eminenze
nun sanno antro arisponne che inzolenze,
rugheno e nun intenneno raggione?

 

Perché ffanno la vita der portrone
senza manco studià le convegnènze?
Perché ddanno l’assarto e la dispenze
e ppatischeno poi d’indiggistione?

 

Perc’hanno sempr’in bocca la bbuscía,
e in quanto all’uso de volé rigali
pe lloro è ssempre pasqua bbefania

 

«Questi, fijjolo, ddiscorzi ssciapi»,
fesce er padrone mio: «li cardinali
nun ttutte crature de li Papi

 

23 dicembre 1846

 




1 Cracas: notiziario annuale ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License