Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2194. Er maestro de li signorini

 

Ma cquer maestro è un gran omo seccante
cor ssempre a sti bbravi siggnorini:
«Raponzoli, studiate li latini,
invesce de ruzzà ccor cavarcante.

 

Fijji, le cose da sapé ssò ttante,
c’un omo che le studia, ar fin de fini,
piú ssarrampica su ppe li rampini
e ppiú arriva a ccapí ddèsse iggnorante».

 

Ma sto discorzo che jje tiè l’abbate
fa ttanta bbreccia ne li su’ scolari
come si jje discessi nun studiate.

 

Defatti, co sta predica curiosa,
nun è piú mmejjo de restà ssomari
pe ccrede d’èsse ar monno quarche ccosa?

 

26 dicembre 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License