Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

60. Chi rrisica rosica1

 

Doppo c’Adamo cominciò cco Eva
tutte le donne se fatte fotte,2
e tu le pijji pe ttante marmotte
d’annalle3 a ggiudicà cor3a me pareva!

 

Penzi che tte se maggni4 e tte se bbeva?
Oh vattelo a pijja5 ddrento a ’na bbotte.
Te credi d’aspettà le peracotte?6
Si la vôi bbuttà,7 ddajje la leva.

 

Porteje un ventajjuccio,8 un spicciatore,9
pagheje la marenna10 all’ostaria,
eppoi vedi si11 è ttenera de core.

 

Te pozzo cche la Commare mia,
che nun aveva mai fatto l’amore,
pe un zinale me disse: accusì ssia.

 

Roma, 14 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 

 

 




1 Nel rischio è il guadagno.

2 Si son fatte fottere.

3 Da andarle.

3a Col.

4 Pensi che ti divori?

5 A pigliare.

6 Aspettar le peracotte: voler i successi senza alcuna propria opera per procurarli.

7 Se la vuoi far buttar, far cedere.

8 Ventagliuccio.

9 Pettine da fissare sul capo le trecce.

10 Merenda.

11 E poi vedrai se.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License