Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2195. L’ugurî de sto monno

 

Bon-capo-danno, , bbelle parole!
Tre anni fa, cco ttutto er capo-danno,
la mojje mia de malanno in malanno
se n’aggnede a ingrassà le cucuzzole.

 

L’ann’appresso (e quest’è che ppiú mme dole),
cona frega d’uguri ar mi’ commanno
la grandina me venne bbuggiaranno
quer po’ de roba che ttenevo ar zole.

 

Drento ggennaro poi de l’an passato
doppo li stessi uguri d’oggni bbene
me toccò una quarella ar Vicariato.

 

E stanno chi lo sa ccosa m’aspetta?
Nun cciamancantro per usscí de pene,
che mme pijji una goccia o ’na saetta.

 

gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License