Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2197. L’ariscombússolo der Governo

 

A pranzo er cojjutor der mi’ padrone,
in ner mentre maggnava la grostata
je leggé ccerta lettra circonnata
co un’infirza de nomi de perzone.

 

Ne sciancicava un pezzo pe bboccone
e ’ggni tanto schioppava una risata:
«Vergine bbenedetta addolorata»,
poi fesce: «Oh cche pasticcio bbuggiarone!

 

Ma cche ccosa si fotte ir Cardinale,
che nun jabbasta di fregà ir civile,
viè a rroppe li cojjoni ar criminale?

 

Si la ggiustizzia è ppe la ggente vile,
che jje n’importa ar Cardinal Pasquale
si ppassa da la parte der cortile?».

 

3 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License