Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2199. Er zenato romano

 

Tra le cojjonerie che va facenno
la Santità de Pio Nostro Signore,
disce che vvò ddismette er Senatore;
ma ccome l’ho crompata io ve la venno.

 

Male o bbene che ssia, nun me n’intenno;
perantro ho gran ppavura d’un timore:
che a Ccampidojjo ce sarà rimore
e a Roma quarche mascellaccio orrenno.

 

Si er Zenatore armassi li Fedeli,
li Scribbi, Caporioni e Capotori,
tutta la frateria de l’Aresceli,

 

tutti li carcerati debbitori...
Dio mio! me sce s’addrizzeno li peli
a ppenzà ar zangue drento e ar zangue fòri.

 

5 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License