Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2203. Er poverello de mala grazzia

 

Però, cquer benedetto poverello
fàsse trovà sdragliato pe le scale
der palazzo d’un conte cardinale,
come sott’a un bancone de mascello!...

 

Eppoi, sibbè cche sse sentissi male,
nun avé mmanco un deto de scervello
de tirasse un po’ in mmentre che cquello
se strascinava ccoda, e ccodale!...

 

E avé ccoraggio in faccia a ssuEminenza
de ppuro la bbava da la bocca
e de lassajje llí cquela schifenza!...

 

E mmorijje, pe ggionta, ar zucospetto
come si stassi in de la su’ bbicocca,
nun ze chiama un mancajje de rispetto?

 

8 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License