Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2206. L’età de la padrona

 

Vecchia la mi’ padrona?! Io te conzijjo
Checco a nun mette sti tumurti in piazza.
Si ttu te fai sentí, cquella t’ammazza:
si llarriva a ssapé, nasce un bisbijjo.

 

Nun dico che ssii propio una regazza,
però è gguasi piú ggiovene der fijjo;
e cquanno se sposò ccor zor Basijjo
la trovonno a ggiocà cco la pupazza.

 

Disce che llosse sue ereno zzeppi,
e la madre je fesce in ne l’acconcio
tutte le bbuttasú cco li ritreppi.

 

Inzomma, a ggiuventú llei se ne fotte;
e ddio ne guardi si mmai bbeve un poncio,
se scòtola cqua e llà ttutta la notte.

 

10 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License