Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2207. La piccosità

 

Oh in fin de conti sai che nnova sc’è?
Che cce n’ho inzinar gozzo e un ppiú ssu;
e a ccasa sua nun me sciaccosto ppiú,
mmanco campassi l’anni de Novè.

 

E cchi è, cazzo!, la fijja der re?
Se parla co Ddio padre a ttu per tu,
e cco llei, perch’è amica d’un Monzú,
s’ha d’annacce cor quinni e ccor ciovè!

 

Ringrazzi Cristo c’ho pprudenza, c’ho:
che nun me piasce er pubbriscità:
che de lei me ne bbuggero; si nnò...

 

Oh gguarda! me s’aggnede a invelení
perché je disse vacca! Ebbè? sse sa:
ccose che sse dicheno pe ddí.

 

10 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License