Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2209. Er difenzore de matrimoni

 

Bbe’? mme ne vado? nun c’è ppropio caso
d’aggiustallo staffare co ttumojje?
Che ddiavol’hai? te pijjeno le dojje,
ché mme straluni l’occhi e arricci er naso?

 

Io te vorebbe vede apperzuaso
che lloppiggnone tua cqua nun ce cojje:
e sta matassa sai chi la ssciojje?
La cuggnataccia de padron Gervaso.

 

Eppoi, díco, ch’edè sta maravijja?
S’uno j’è it’appresso e cquer che vvòi,
che ccorpa sce n’ha llei, povera fijja?

 

Disce: «Ma li trovonno immezzar fieno»:
busciardarie de male lingue! Eppoi,
tutte le donne, ggià sse sa, ppiú o mmeno...

 

11 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License