Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2211. La mutazzion de sscena

 

Passò cquer tempo! È ffinita la pacchia,
sposa mia, de quann’ero ggiuvenotta!
Che ccasa eh, allora? E mmó? mme aridotta
co un búscio de suffitta a la Petacchia.

 

Vecchia nun , ma!... la miseria abbacchia;
e ppe cquanto se studia e sse sciappotta,
se sta ssempraccusí, ssora Carlotta:
giú tterra-terra come la porcacchia.

 

Prima sempre alegrie, sempr’in bisboccia;
e mmó le sconto co lo stà a filetto,
e mmó ttutti me tengheno in zaccoccia.

 

Avevo chiesto a Monziggnore un letto?
Bbe’, er zervitore, je pijjina goccia,
fesce: «A vvoi v’abbisoggna un cataletto».

 

12 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License