Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2213. La spesa pe ppranzo

 

«Che ffamo oggi da pranzo, Crementina
«Quer che vvolete voi: semo in dua sole».
«Volemo un arrosto de bbrasciole
«Nun è mejjo un stufato de vaccina

 

«Uhm! l’avemo maggnato jermatina...».
«Bbe’, vvolemo allessà dducucuzzole
«Quelle , cché la panza oggi me dole,
e nun voria pijjà la mediscina».

 

«Dunque, mamma, che sso... ffamo li gnocchi».
«Eh, ste jjottonerie costeno care:
se ne vanno cqua e llà vventi bbaiocchi».

 

«Inzomma fate un po cquer che vve pare».
«Io direbbe pe mmé, ssi ttu cciabbocchi,
d’annaccene a svernà ddà la ccommare».

 

13 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License