Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2215. La sposa de Mastro Zzuggno

 

M’arillegro co vvoi, caro sor mastro:
ve sete fatto una gran bella sposa!
Ma in cusscenza! è una donna appititosa!
è bben tajjata assai: pare un pilastro.

 

Co cquer nasetto a bbecco de pollastro!
co cquer petto a ddustrisce de scimosa!
co quel’occhietti de color de rosa!
co cquella bbocca congeggnata a incastro!

 

Bravo, bravo davero, mastro mio.
Una mojje accusí nnu la trovate
da la val de l’inferno a Bborgo Pio.

 

Pe ccarità pperò, nnu la portate
a mercato; perché, vve lo dich’io,
l’incetteno pe un zacco de patate.

 

14 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License